INCONTRO CON ROSSANO BARONCIANI

Il 27 settembre gli studenti delle classi coinvolte nel progetto APPs (Addressing Teaching to Prevent Cyber-bullying Phenomenon at Schools) hanno assistito all'incontro con il Prof. Rossano Baronciani, insegnante di lettere presso l'Istituto Mengaroni di Pesaro e docente di Sociologia della Comunicazione all'Accademia di Belle Arti di Urbino sui temi del CYBER-BULLISMO, EMPATIA E LINGUAGGIO DELLO SMARTPHONE. L'evento si è tenuto presso l'aula magna dell'Istituto Battisti ed è stato introdotto da Marica Sabbatini dell'ente di Formazione Co.Meta di Fano e dalle docenti Benedetta Tallevi e Nicoletta Spendolini, coordinatrici di questo progetto europeo Erasmus+, avviato lo scorso anno con durata triennale e che coinvolge 5 paesi della Comunità Europea. Tra gli istituti italiani ci sono due scuole superiori (Mengaroni e Polo 3) e due istituti comprensivi (Gaudiano di Pesaro e Mercantini di Fossombrone), mentre tra gli enti stranieri ci sono un istituto superiore di grafica di Ciudad Real in Spagna, un istituto superiore in Polonia, un istituto tecnologico di Uricani in Romania, oltre a un ente di formazione, Co.Meta di Fano e un altro ente di formazione in Irlanda, USL di Dublino. Il progetto APPs mira alla Prevenzione del fenomeno del Bullismo e Cyber-bullismo e vorrebbe coinvolgere anche le famiglie. Ecco perché la conferenza era aperta anche ai genitori.

In questo nuovo anno scolastico le classi 4C, 5C e 5D dell'Istituto Olivetti e la 4B e 5B Seneca saranno coinvolte in varie attività mirate alla conoscenza delle problematiche specifiche, prenderanno parte a laboratori e visite guidate, per poi essere in grado di produrre storie ed elaborati grafici da condividere con i partner italiani ed esteri, attraverso piattaforme dedicate e durante le mobilità all'estero. Già l'anno scorso i nostri studenti avevano partecipato al concorso interno e lavorato alla creazione e realizzazione del marchio e del leaflet, e tra le varie proposte fatte da ragazzi spagnoli, del Mengaroni e del Polo, sono state scelte le soluzioni grafiche di alunni dell'Olivetti. Vista la durata del progetto e l'ampiezza dell'argomento da trattare, in questa prima parte dell'anno scolastico gli studenti affronteranno il tema dell'Empatia.

Con grande abilità il professor Baronciani ha saputo catturare l'attenzione dei nostri ragazzi. Utilizzando immagini e video accompagnati dalle sue parole è riuscito a mettere da parte la tentazione diffusa di ricorrere al cellulare e ha visto gli studenti attenti e interessati. Ha parlato del meccanismo della visione, della scoperta dei neuroni specchio, del "rispecchiamento" emotivo e di come questo fenomeno sia legato allo Smartphone e ai Social Media. Ha spiegato come i social media riescono ad entrare nel nostro immaginario soggettivo, attraverso l'applicazione dell'algoritmo che intercetta le nostre preferenze in rete e ci circonda di ciò che ci piace. Ha anche palesato alcune conseguenze patologiche delle quali dobbiamo tutti essere consapevoli. Nelle prossime settimane, le classi coinvolte inizieranno le attività con dei laboratori in cui sperimenteranno L'Empatia, a tal proposito, a partire dalla metà di ottobre, in tali classi è stata introdotta un'ora extra in cui i docenti curriculari condurranno attività mirate a mettere in pratica comportamenti empatici. Nel mese di ottobre è prevista una visita al Muso Omero di Ancona, che è uno dei pochi musei Tattili Italiani dove è possibile fruire l'arte mettendo in gioco i sensi del tatto e dell'udito.

A nome del Dirigente Scolastico, dei docenti e degli studenti ringraziamo il Professor Baronciani per il suo efficace contributo a questo Progetto così importante per la nostra formazione

 


Pubblicata il 12 ottobre 2018

Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.